Gio. Giu 20th, 2024

L’Albisola Pallavolo cede il passo 3 a 1 contro il VBC Savona e chiude il girone di andata al quarto posto in classifica. A -3 dalla seconda della classe a -8 dalla capolista CUS Genova. Coach Peluffo e una delle colonne del sestetto Simone Arboscello commentano il passo falso e, più in generale, tracciano un bilancio sulla prima metà della stagione. Tante cose positive – l’Albisola è l’unica squadra ad aver strappato un punto alla capolista – ma anche alcuni “bassi” che dovranno essere limitati per lottare per la promozione fino alla fine.

 

Complimenti agli avversari per la loro partita impeccabile – commenta Peleffo -. Tanto rammarico da parte nostra: siamo stati contratti fino dall’inizio e non abbiamo mai trovato il nostro gioco. Si tratta di una lezione che ci deve servire, come era accaduto contro il Finale all’andata. Lavoreremo per migliorare”.

“Questo girone di andata è stato una montagna russo – prosegue Arboscello -. Passiamo rapidamente da picchi di qualità di gioco alti a passaggi a vuoto. La nostra forza non è stata espressa del tutto”.

Sul campionato: “Sempre difficile confrontare i livelli delle varie annate – aggiunge Peluffo -. C’è un tasso tecnico alto essendoci tre formazioni retrocesse dalla Serie B. Il campionato è diviso in tre tronconi, di cui uno composto dalla sola CUS Genova. Stanno facendo un campionato perfetto e nessuno riesce a mettere loro il bastone tra le ruote. Noi siamo tra le inseguitrici. Ogni partita è difficile anche per squadre come noi.

Il punto conquistato contro CUS racconta bene la stagione dei biancazzurri secondo Arboscello: “Possiamo ambire a fare meglio dell’andata. Quel punto fa vedere la nostra grande qualità ma anche i nostri limiti”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *