Sab. Mag 25th, 2024

Secondo stendardo stagionale per l’Albisola Pallavolo. Dopo la vittoria nell’Under 16 femminile, anche le ragazze dell’Under 14 Planet Volley si sono laureate campionesse territoriali. Un successo meritato visto che nella regular season la squadra aveva chiuso il girone con sole vittorie.

Ieri, in occasione della Final Four, la formazione delle coach Traman, Malavasi e Botta ha rischiato di essere eliminata in semifinale. Il Celle Varazze, infatti, si era portato sul 2 a 0. Poi, la reazione del Planet che ha avuto la forza di portarsi sul 2 a 2 e di vincere il tie-break con uno scarto di nove punti.

La finale è stata meno sofferta per i sostenitori giunti al palasport Berruti di Finale Ligure. Planet Volley ha vinto 3 a 0 contro Albenga Volley blu. Anche se le ingaune hanno dato filo da torcere i tutti i parziali come dimostrano i punteggi dei set: 25/21, 25/16, 25/20.

Così coach Sara Traman: “A inizio anno ci eravamo posti l’obiettivo di arrivare a queste Final 4, obiettivo non raggiunto nella scorsa stagione e su cui abbiamo patito. Il girone del campionato ci ha dimostrato partita dopo partita quanto questa squadra stesse crescendo – eravamo a conoscenza di avere un due o tre ragazze leggermente più avanti delle altre, ma c’era tutto il contorno da portare avanti. Così è stato anche al termine della seconda fase“.

“Ci siamo chieste se questo titolo lo meritassimo prima di oggi – prosegue –  e ci siamo risposte che per la crescita e la testa che hanno avuto le ragazze quest’ anno lo avremmo meritato tutto. Quindi ci abbiamo creduto tanto a partire da noi allenatori che anche sotto 2 a 0 in una semifinale, che sapevamo sarebbe stata difficile con un ottimo Celle, non ci siamo arrese e da lì una reazione: abbiamo visto la nostra squadra ripartire dal terzo set della mattina e non fermarsi fino alla chiusura del 25esimo punto della finale.

“I complimenti a tutte, dalla prima all’ultima, anche a chi oggi non è sceso in campo. I complimenti alla passione, alla grinta che noi e loro abbiamo. E ora regionali!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *